Il progetto SAGITTARIUS introduce un concetto nuovo per utilizzare dei tipi differenti di valori culturali relativi alle risorse del patrimonio naturale e culturale come un motore per lo sviluppo, creando in questo modo delle nuove opportunità per l’innovazione nell‘imprenditorialità. L’integrazione delle istituzioni academiche e di ricerca, del settore pubblico-privato, delle comunità locali e dei soggetti nella preservazione e la promozione del patrimonio naturale e culturale. Il progetto è stato preparato per la piattaforma di partecipazione nella conoscenza e nell’esperienza trasferibile in capitale umano che sarà utile nelle aree del SEE.

L‘obiettivo del progetto è di promuovere il patrimonio culturale e naturale nelle regioni prevalentemente rurarli. Queste zone di norma non sono dele mete turistiche note e frequentate dalle masse. Anche se i beni culturali sono ben conservati e pieni di ricchezze, rimangono al margine a e non noti ai turisti. Molte zone sono sottosviluppate, perché i giovani partono alla ricerca del lavoro siccome non ci sono delle opportunità di lavoro. Come d’altronde i giovani non sanno identificarsi nei valori comuni e a trovare un’opportunità nel loro patrimonio culturale e naturale per lanciare un’attività imprenditoriale nelle loro località.

Tutti i Partner associati nelle aree del Progetto vanno incontro a una serie di difficoltà comuni che risolvono ognuno nel suo contesto culturale. Mentre i famosi e grandi siti del patrimono culturale sono in decadenza e subiscono dei danni per il sovrauso, quelli nelle zone rurali rimangono non considerati, il che conduce alla spopolazione del territorio, allo sottosviluppo e alla fuga dell’intelligenza.  

La globalizazzione delle economia sta affettando le generazioni dei giovani separandole dalle loro radici e dai valori delle loro comunità. Per questo soffrono a causa di discontinuità culturale, il che è specialmente evidente nel comportamento delle popolazioni ripatriate e nella generazione dei giovani.